Pubblicato il

La Festa dell’Uva

BaccoLa Festa dell’Uva è la Festa per la quale Scansano è famoso; la festa con la quale gli Scansanesi, da oltre quarant’anni, rendono onore al loro prodotto tipico per eccellenza: il Morellino di Scansano.
Organizzata nell’ultimo fine settimana di settembre dalla Pro Loco Scansanoil paese si colora di viola: la festa occupa infatti vicoli e cantine, adornandoli con tralci d’uva e botti di vino, dissetando la voglia di bere e divertirsi.

Nonostante il protagonista principale di questa festa sia il vino, la Festa dell’Uva rende onore anche agli altri prodotti di cui Scansano va fiera: formaggio, olio, carne, dolci tipici, in perfetto accordo tra loro e con la tradizione contadina che rivive in questi giorni per il paese.

Quest’anno, durante il primo giorno di festa, Scansano offre Mercanteggiando – Mercato dell’Artigianato e non solo, l’apertura delle cantine storiche, caratteristiche e profumate di tradizione, i Laboratori Artistici, a cura di Associazione Inventarte,  la Musica Itinerante dei P-Funking Band; e, dalle 22.00, quella dei DJ set, sparsi lungo le vie del paese.

Ovviamente per tutta la giornata potrete assaggiare la tipica accoppiata panino con salsiccia e bicchiere di Morellino, ma per chi voglia mangiare qualcosa di più sostanzioso ci saranno anche piatti più elaborati a soddisfare l’appetito.

Domenica la sveglia suona alle ore 10,00 con Mercanteggiando, nel piazzale delle Cascine, le visite guidate del paese e del museo e, alle 11.00, i Laboratori Artistici e l’apertura delle cantine storiche, mentre nel pomeriggio avremo la sfilata dei carri allegorici e la premiazione della miglior cantina. Alle ore 18,00 l’Esperanto Folk Music Band ci terrà compagnia facendoci ballare per le strade del paese.

Se, convinti dai bicchieri di vino delle nostre cantine, ne vorrete comprare una bottiglia oppure un regalino gastronomico, enoteche e negozi, tra cui il nostro, sono aperti sia il sabato che la domenica.

Quest’anno la Festa dell’Uva si terrà il 23 e il 24 settembre 2017

Pubblicato il

Degustazioni del Morellino e dei prodotti tipici

E’ prevista, anche quest’anno, l’accoppiata Degustazioni – Festa dell’Uva che, da diversi anni, accompagna le ultime due settimane di settembre.

Organizzate dalla Pro Loco Scansano, le Degustazioni che precedono la Festa dell’Uva hanno in programma, nel primo pomeriggio del sabato, il Torneo Nazionale Giovanissimi Professionisti e, dalle ore 16.00, l’Esposizione di Prodotti Agroalimentari e Degustazione di prodotti tipici per le vie del centro storico. E’ prevista inoltre l’apertura del Punto Ristoro della Pro Loco, l’Animazione per bambini e le Degustazioni del Morellino di Scansano in collaborazione con Scuola Europea Sommelier. 

Domenica ancora calcio, con il Torneo Nazionale Giovanissimi Professionisti, ed ancora cibo, con l’Esposizione dei Prodotti Agroalimentari e la Degustazione dei prodotti tipici per le vie del centro storico, più l’apertura del Punto Ristoro della Pro Loco. Dalle ore 12.00 Esposizione di Moto d’Epoca ed il Raduno Fiat 500 a cura di Fiat 500 CLUB ITALIA, mentre dalle ore 15,30 alle 22,00 nelle Cantine Storiche ci saranno le Degustazioni di Morellino di Scansano e la Live Music dei Black and White, con la Premiazione “Vannuccio Vannuccini”, Concorso Enologico con la collaborazione della Scuola Europea Sommelier e dell’Ass.ne AAA Morellino e la Premiazione MIGLIOR VINO a Giuria Popolare, alle ore 19.00 presso il Museo Archeologico della Vite e del Vino.

Quest’anno le degustazioni si terranno il 19 e il 20 settembre 2015

Pubblicato il

La castagna IGP del Monte Amiata

La Castagna IGP del Monte Amiata ha, come zona di produzione, l’area occidentale del Monte Amiata ed in particolare i territori dei comuni di Arcidosso, Castel del Piano, Santa Fiora e Seggiano e parte dei comuni di Cinigiano e Roccalbegna. Il terreno che conferisce particolarità al prodotto, tanto da renderlo meritevole della denominazione IGP, è di natura vulcanica e comunque a prevalente o abbondante componente silicea.

La Castagna del Monte Amiata IGP si differenzia nelle tre varietà della Marrone, della Bastarda Rossa e del Cecio. Viene raccolta a mano o con strumenti idonei a preservare il prodotto e le sue proprietà organolettiche. Dopo essere stati raccolti, le castagne vengono fatte fermentare in acqua a temperatura ambiente per circa una settimana, poi vengono distesi al sole, ad asciugare. Per compiere questa operazione i frutti vengono disposti su uno strato steso sull’asfalto, che assorbe i raggi solari e consente un’asciugatura veloce ed efficace. In caso di pioggia, le castagne vengono poste in celle ventilate all’interno di appositi contenitori. Una volta asciugate, i frutti vengono selezionati in base al peso e successivamente confezionate in sacchetti, che vengono conservati al fresco e all’asciutto.

Da questa castagna si produce anche la birra e la farina, utilizzata per fare il castagnaccio, tipico dolce autunnale composto da farina di castagne, pinoli, uvetta e rosmarino.